Please, activate Javascript to see this website correctly
MyDott

Caricamento ...

info / Ablazione del tartaro

Ablazione del tartaro

Descrizione

L’ablazione del tartaro o detartrasi è una procedura odontoiatrica finalizzata alla pulizia dei denti. L’eliminazione del tartaro e della placca dentale costituisce al contempo sia una manovra terapeutica che preventiva perché protegge da patologie più serie a carico dell’apparato della masticazione (ad esempio gengiviti e carie). La detartrasi viene eseguita in uno studio odontoiatrico da parte del dentista o dell’igienista orale. Le manovre quotidiane di pulizia dei denti non sono sufficienti a rimuovere placca e tartaro. Lo spazzolino da denti, infatti, non è in grado di esercitare la sua azione nelle zone sottogengivali e in altre aree dove la placca e il tartaro si depositano normalmente. La placca dentale è costituita da un miscuglio di residui alimentari, batteri e detriti cellulari. Ha una consistenza morbida e appiccicosa. Può essere rimossa anche con i comuni spazzolini da denti a patto che si depositi in zone raggiungibili da questo strumento. Il tartaro si forma invece in seguito a un processo di indurimento (mineralizzazione) della placca dentale e non può essere portato via dallo spazzolino. La sua ablazione richiede pertanto un intervento professionale.

Utilità e frequenza della detartrasi

La pulizia professionale dei denti ha un’alta efficacia nel mantenimento dell’igiene e dello stato di salute dell’apparato della masticazione e del cavo orale in generale. Assieme alle manovre quotidiane di pulizia dentale, svolge infatti un’efficace azione preventiva nei confronti di numerose patologie, tra le quali:

  • carie
  • gengiviti
  • parodontiti
  • retrazioni gengivali

La detartrasi consente anche di ottenere buoni risultati estetici perchè lucida e sbianca i denti, togliendo le discromie presenti sulla superficie. Contrasta anche l’alitosi. La pulizia completa dei denti dovrebbe essere eseguita almeno una volta all’anno. Tuttavia, in presenza di patologie gengivali già presenti e nei fumatori, la detartrasi sarebbe opportuna ogni 4-6 mesi.

Procedura

Per eseguire l’ablazione del tartaro, il dentista o l’igienista orale utilizzano appositi strumenti professionali molto efficaci che riescono a rimuovere anche i più piccoli depositi di tartaro. Possono essere impiegati anche apparecchi a ultrasuoni che offrono eccellenti risultati.
Alla fine della detartrasi l’igienista procede anche alla lucidatura dei denti e all’applicazione di paste fluorate. L’ablazione del tartaro non deve essere confusa con lo sbiancamento vero e proprio dei denti perché si tratta di un diverso trattamento odontoiatrico. La pulizia dentale ha infatti un effetto di sbiancamento dovuto all’eliminazione di discromie dentali superficiali ma non riesce a intervenire sulle macchie più profonde.
La detartrasi normalmente è ben sopportata e, per quanto un pò fastidiosa, non risulta in genere dolorosa. Tuttavia alcune persone soffrono di particolare ipersensibilità dentale e in questi casi la procedura di pulizia risulta molto fastidiosa e deve essere eseguita con particolare cautela e con maggiore frequenza in modo che sia più facile pulire i denti. Dopo l’effettuazione della detartrasi possono insorgere bruciori o lievi dolori che si risolvono entro breve tempo.

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. Si fa presente che la visita medica specialistica rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli presenti sul sito vanno presi come meri suggerimenti di comportamento. L’Autore e Consulcesi SA non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute.

 

Comitato Scientifico