Please, activate Javascript to see this website correctly
MyDott

Caricamento ...

info / Artrocentesi

Artrocentesi

Descrizione e definizione

L’artrocentesi è un procedimento tecnico medico-chirurgico che consiste nell’inserimento di aghi in una cavità articolare con finalità diagnostiche e terapeutiche. Le articolazioni più frequentemente oggetto di artrocentesi sono quelle della spalla, del gomito, del polso, delle mani e dei piedi, del ginocchio e l’articolazione temporomandibolare. Sostanzialmente l’artrocentesi viene impiegata per drenare il contenuto patologico di un’articolazione, per prelevare un campione di liquido per finalità diagnostiche oppure per somministrare farmaci all’interno della cavità articolare. Il liquido prelevato con l’artrocentesi viene in seguito inviato in laboratori specializzati per essere analizzato. Il contenuto patologico intra-articolare può essere costituito, tra l’altro, da sangue, pus, liquido contenente proteine, cristalli e zuccheri.
L’ortopedico è il medico specialista abilitato ad eseguire l’artrocentesi.

Indicazioni

L’artroscopia viene effettuata per prelevare campioni di liquido nel sospetto diagnostico di:

  • gotta
  • artrite settica
  • artrite reumatoide
  • artrosi
  • emorragie secondarie a traumi
  • tendiniti
  • borsiti

L’artroscopia viene invece utilizzata come terapia per:

  • ridurre la pressione intra-articolare con il conseguente dolore e limitare i danni mediante evacuazione del contenuto (sangue, liquidi di varia natura);
  • facilitare la mobilità dell’articolazione;
  • introdurre farmaci nella cavità articolare come ad esempio i corticosteroidi, (antinfiammatori) e l’acido ialuronico (lubrificante);

Procedura

Dopo aver accuratamente disinfettato la cute sovrastante l’articolazione da trattare e aver anestetizzato la zona, l’ortopedico inserisce nella cavità articolare un ago collegato con una siringa. Procede poi, a seconda delle esigenze, all’aspirazione e/o evacuazione del liquido in essa contenuto oppure alla somministrazione di farmaci. Si tratta di una manovra alla cieca, che, in casi di particolare difficoltà, può essere eseguita anche sotto controllo ecografico per avere una migliore precisione.
Un’indagine ecografica preliminare è comunque utile in certi casi per fornire indicazioni supplementari prima di eseguire l’artrocentesi.

Complicanze

Normali effetti connessi con l’artrocentesi sono costituiti da ecchimosi e minimi sanguinamenti locali.
Le complicazioni gravi sono rare e sono rappresentate dalle infezioni (artrite settica) e, in caso di somministrazione prolungata di corticosteroidi, dall’atrofia locale dei tessuti.

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. Si fa presente che la visita medica specialistica rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli presenti sul sito vanno presi come meri suggerimenti di comportamento. L’Autore e Consulcesi SA non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute.

 

Comitato Scientifico