Please, activate Javascript to see this website correctly
MyDott

Caricamento ...

info / Carbossiterapia

Carbossiterapia

Descrizione

La carbossiterapia è un metodo di cura che ha come obiettivo la terapia degli inestetismi cutanei e dei disturbi della microcircolazione. Viene messa in pratica attraverso minime iniezioni sottocutanee localizzate di anidride carbonica eseguite con l’ausilio di aghi molto sottili. L’anidride carbonica iniettata sottocute entra nel circolo sanguigno dal quale viene trasportata nei distretti corporei. Viene infine eliminata per via respiratoria, come avviene fisiologicamente durante l’espirazione. La carbossiterapia deve essere eseguita all’interno di strutture sanitarie da parte di personale medico esperto del settore. Devono essere impiegati gli strumenti espressamente autorizzati dal Ministero della Salute (apparecchio specifico, anidride carbonica per esclusivo uso medico, aghi monouso sterilizzati).

Meccanismo di azione

Il principio sul quale si basa l’utilizzo della carbossiterapia riguarda le proprietà attribuite all’anidride carbonica, gas che normalmente eliminiamo con la fase espiratoria della respirazione.
L’anidride carbonica:

  • produce un’azione vasodilatatrice che permette il miglioramento del flusso sanguigno e quindi dell’ossigenazione;
  • favorisce l’attivazione lipolitica;
  • migliora l’aspetto della pelle sia migliorando la microcircolazione che agendo direttamente sulle cellule che producono le fibre elastiche (fibroblasti);

Indicazioni

La carbossiterapia può essere un coadiuvante nella cura di:

  • alterazioni della microcircolazione;
  • ulcere cutanee;
  • cellulite, (pelle a buccia d’arancia) 
  • smagliature della pelle;
  • cicatrici cutanee ipertrofiche;
  • alopecia;
  • fenomeno di Raynaud;
  • psoriasi;
  • rilassamento cutaneo;
  • adiposità localizzate;

Controindicazioni

La carbossiterapia è controindicata o comunque sconsigliata nel caso in cui siano presenti le seguenti patologie:

  • ipertensione arteriosa di grado severo;
  • patologie vascolari (ad esempio tromboflebite);
  • ictus cerebrale;
  • embolie;
  • stato di gravidanza;
  • insufficienza cardio-respiratoria, renale o epatica;
  • disturbi del ritmo cardiaco;

Procedura

La carbossiterapia prevede un certo numero di sedute, variabile da caso a caso. Generalmente l’intero ciclo terapeutico consiste in dieci sedute. La durata di ogni singolo trattamento è di qualche decina di minuti. Possono comparire lievi arrossamenti e gonfiori nella zona trattata. Questi disturbi scompaiono velocemente. La carbossiterapia è piuttosto dolorosa.

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. Si fa presente che la visita medica specialistica rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli presenti sul sito vanno presi come meri suggerimenti di comportamento. L’Autore e Consulcesi SA non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute.

 

Comitato Scientifico