Please, activate Javascript to see this website correctly
MyDott

Caricamento ...

info / Chirurgo vascolare

Chirurgo vascolare

Descrizione e Definizione

La chirurgia vascolare è una branca specialistica della medicina. Si occupa della diagnosi e della terapia chirurgica dei processi patologici che colpiscono i vasi sanguigni. La chirurgia vascolare è una specializzazione della medicina riconosciuta ufficialmente e iscritta nell’area medica delle specialità con il nome di specializzazione in chirurgia vascolare. Il corso di formazione dura 5 anni. Si accede alla scuola di specializzazione dopo aver conseguito il diploma di laurea in medicina e chirurgia che dura 6 anni.
L’obiettivo della scuola specialistica è quello di formare professionisti con conoscenze avanzate riguardanti la fisiopatologia, la clinica, la diagnostica e la terapia delle malattie del sistema vascolare. Il chirurgo vascolare è il medico specialista in chirurgia vascolare. Si occupa della cura delle malattie dei vasi sanguigni con riferimento a tutte le tipologie di terapia: medica, riabilitativa ma soprattutto chirurgica.

Indicazioni

Tra i processi morbosi che più frequentemente arrivano all’osservazione del chirurgo vascolare troviamo:

  • aneurismi (anche dissecanti) dell'aorta addominale e toracica
  • malattia aorto iliaca
  • vene varicose (degli arti inferiori)
  • linfedema
  • patologie delle arterie periferiche (ad esempio occlusione delle carotidi, aneurisma dell’arteria poplitea)

Procedure

Le tecniche di procedura interventistica del chirurgo vascolare sono numerose e di natura chirurgica, più o meno invasive a seconda dei casi. Tra queste vi sono:

  • l’ablazione della fibrillazione atriale (eseguita di norma con un catetere ma praticabile anche chirurgicamente)
  • l’endoarterectomia (eseguita per la rimozione di placche arteriosclerotiche ostruenti il lume di un’arteria periferica, ad esempio la carotide)
  • l’angioplastica (conosciuta popolarmente con il termine ‘palloncino’, eseguita per dilatare le arterie coronarie e assicurare quindi il passaggio del sangue che nutre il cuore)
  • la posa di bypass in vari distretti vascolari (ad esempio il bypass aorto-coronarico per ripristinare una circolazione coronarica adeguata in grado di nutrire efficacemente il cuore e il by pass aorto iliaco femorale per migliorare la circolazione del sangue negli arti inferiori) 
  • l’amputazione di un arto o di una parte di esso (quando l’arteriopatia di fondo non è più trattabile)
  • lo stripping venoso e la scleroterapia (utilizzati nel trattamento delle vene varicose)

Il chirurgo vascolare visita il paziente prima dell’intervento, raccoglie l’anamnesi, effettua l’esame obiettivo. Il chirurgo vascolare si può avvalere anche di diversi strumenti analitici e di laboratorio per approfondire alcuni aspetti diagnostici, tra questi vi sono:

  • le analisi del sangue 
  • le angiografie
  • la tomografia assiale computerizzata (TAC) con angiografia
  • la risonanza magnetica con angiografia
  • ecocolordoppler

Nel post-operatorio, il chirurgo vascolare segue la degenza del paziente e l’evoluzione verso la guarigione o il miglioramento, intervenendo in caso di complicanze.

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. Si fa presente che la visita medica specialistica rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli presenti sul sito vanno presi come meri suggerimenti di comportamento. L’Autore e Consulcesi SA non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute.

 

Comitato Scientifico