Please, activate Javascript to see this website correctly
MyDott

Caricamento ...

info / Citoscopia

Citoscopia

Descrizione

La cistoscopia è un procedimento endoscopico diagnostico e terapeutico impiegato in medicina per esaminare e curare le vie urinarie inferiori, in particolare la vescica urinaria. Lo strumento specifico usato per questo tipo di indagine è il cistoscopio. Si tratta di una cannula di pochi millimetri di diametro, rigida o flessibile, collegata con uno schermo. In corrispondenza dell’estremità che viene introdotta nell’uretra viene montato un sistema a fibre ottiche che ha la duplice funzione di telecamera e di fonte di illuminazione. L’urologo è il medico specialista che esegue la cistoscopia. Esegue e controlla lo svolgersi dell’indagine attraverso il monitor collegato al cistoscopio. Le strutture esaminabili in modo standard con questa tecnica di indagine sono l’uretra, la vescica urinaria e gli sbocchi dei due ureteri in vescica. Con la cistoscopia è anche possibile il prelievo di frammenti di tessuto (biopsia) e/o di cellule per successivi accertamenti di natura istologica e citologica. È anche possibile eseguire l’asportazione terapeutica di polipi vescicali o di altre neoformazioni oppure la rimozione di calcoli.

Indicazioni

La cistoscopia è opportuna in presenza dei seguenti segni e/o sintomi:

  • Ematuria (presenza di sangue visibile nelle urine)
  • Incontinenza vescicale (difficoltà o impossibilità di contenere e controllare la minzione)
  • Minzione dolorosa (dolore più o meno intenso durante l’emissione di urina)
  • difficoltà della minzione (dolore, bruciore, stimolo a urinare inefficace)
  • Dolore pelvico cronico

Le patologie di frequente riscontro durante la cistoscopia da parte dell’urologo sono:

  • presenza di cellule anomale nel sedimento urinario
  • calcolosi urinaria
  • infiammazioni vescicali (cistiti)
  • infezioni ripetute delle vie urinarie
  • diverticolosi della vescica
  • ureterocele
  • poliposi vescicale
  • ritenzione urinaria (secondaria a ipertrofia prostatica o determinata da stenosi delle vie urinarie)

Preparazione

In generale, se non vi sono problemi particolari, non è necessaria una preparazione specifica da parte del paziente. Deve tuttavia essere sospesa un’eventuale terapia con anticoagulanti, e, se sono previsti prelievi bioptici di tessuto, anche un’analisi del sangue per valutare l’efficienza della coagulazione. Invece, qualora sia necessario l’impiego dell’anestesia generale, è necessario eseguire gli esami di routine previsti in questi casi: analisi del sangue completa, radiografie torace, elettrocardiogramma.

Procedura

Soprattutto nell’uomo l’esame cistoscopico può essere alquanto fastidioso. L’urologo procede all’inserimento in uretra della cannula dopo averla lubrificata. Il cistoscopio viene poi spinto nella vescica che viene esaminata anche in corrispondenza degli sbocchi dei due uereteri, i tubicini che convogliano l’urina dai reni fino alla vescica urinaria. Possono essere somministrati sedativi, se necessario, per meglio sopportare l’esame. Dopo l’accertamento può comparire fastidio, bruciore e talvolta difficoltà alla minzione. Si tratta di disturbi temporanei che si risolvono in breve tempo. Complicanze più importanti, ad esempio ematuria franca e/o febbre, richiedono un intervento urologico.

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. Si fa presente che la visita medica specialistica rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli presenti sul sito vanno presi come meri suggerimenti di comportamento. L’Autore e Consulcesi SA non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute.

 

Comitato Scientifico