Please, activate Javascript to see this website correctly
MyDott

Caricamento ...

info / Dietologo

Dietologo

Descrizione e Definizione

La scienza dell’alimentazione è una branca specialistica della medicina. Si occupa degli aspetti scientifici, teorici e professionali della nutrizione e dell’alimentazione. La scienza dell’alimentazione comprende anche lo studio della composizione, dell’igiene e del valore nutritivo degli alimenti. La scienza dell’alimentazione è una specializzazione della medicina riconosciuta ufficialmente e iscritta nell’area medica delle specialità. Il corso di formazione dura 5 anni. Si accede alla scuola di specializzazione dopo aver conseguito il diploma di laurea in medicina e chirurgia che dura 6 anni. L’obiettivo della scuola specialistica è quello di formare professionisti con conoscenze avanzate riguardanti tra l’altro, i disturbi alimentari, il ruolo e la funzione dei singoli alimenti nel fornire energia e nutrienti all’organismo umano, le allergie alimentari, il fabbisogno energetico individuale in relazione alle attività specifiche svolte. Il dietologo è il medico specialista in scienza dell’alimentazione.
La visita dietologica costituisce di norma il primo atto verso il paziente.

Indicazioni

È opportuno rivolgersi al dietologo quando esistono problemi legati all’aumento eccessivo del peso corporeo oppure, al contrario, quando sussista una perdita di peso importante involontaria, dipendente, per esempio, da malattie gravi, croniche o da terapie (ad esempio neoplasie, chemioterapie). Ovviamente, lo scopo della visita dietologica è differente a seconda del quadro clinico presentato dal paziente: eccesso di peso o magrezza eccessiva.
In caso di sovrappeso o obesità, lo scopo della visita dietologica è quello di ridurre il rischio cardio-vascolare. Inoltre, molti soggetti obesi soffrono di patologie quali la dislipidemia, il diabete e l’ipertensione arteriosa. In caso di magrezza eccessiva, il dietologo dovrà migliorare il quadro generale del paziente sotto il profilo nutrizionale. Qualora il malato non possa alimentarsi per bocca, dovranno essere previsti sistemi di alimentazione artificiali per via enterale o parenterale.

Preparazione

La visita dietologica non richiede al paziente una specifica preparazione e non ha controindicazioni

Procedura

La visita dietologica inizia con la scrupolosa e attenta raccolta dei dati relativi al paziente con particolare riferimento all’anamnesi fisiologica, familiare e patologica. In seguito il dietologo procede ad una valutazione nutrizionale riscostruendo anche la curva di andamento ponderale del paziente. Un utile strumento di valutazione ponderale è costituito dal BMI (indice di massa corporea) consigliato, tra l’altro, anche dall’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità. Il BMI si ottiene dividendo il peso corporeo, espresso in chilogrammi, per il quadrato della misura della statura, espressa in metri.
Il valore così ottenuto può essere confrontato con la seguente scala:

  • BMI inferiore a 18,5 = sottopeso
  • BMI compreso tra 18,5 e 24,9 = normopeso
  • BMI compreso tra 25 e 29,9 = sovrappeso
  • BMI compreso tra 30 e 34,9 = 1° grado di obesità
  • BMI compreso tra 35 e 39,9 = 2° grado di obesità
  • BMI maggiore di 40 = 3° grado di obesità

Il dietologo può ricorrere ad accertamenti strumentali e di laboratorio per ulteriori approfondimenti clinici.

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. Si fa presente che la visita medica specialistica rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli presenti sul sito vanno presi come meri suggerimenti di comportamento. L’Autore e Consulcesi SA non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute.

 

Comitato Scientifico