Please, activate Javascript to see this website correctly
MyDott

Caricamento ...

info / Disturbi della personalità

Disturbi della personalità

Descrizione e definizione

I disturbi di personalità sono costituiti da comportamenti stereotipati, quasi preconfezionati, nei confronti di eventi e di persone. Il comportamento di chi è affetto da disturbi di personalità risulta rigido e inflessibile, costituisce quasi una risposta automatica e prevedibile in anticipo in rapporto a specifiche categorie di eventi. Viene a mancare la capacità di modificare il proprio comportamento in relazione alle diverse situazioni della vita quotidiana.
Questi disturbi comportano relazioni difficili e conflittuali con le altre persone, compresi i familiari, gli amici più stretti e i colleghi di lavoro. A lungo andare questi disturbi producono isolamento, disadattamento e solitudine profonda. Si tratta di alterazioni patologiche del comportamento che esordiscono nell’adolescenza o nei primi anni dell’età adulta e che tendono a rimanere costanti e stabili con l’avanzare del tempo.
I soggetti colpiti da questo tipo di patologia sono spesso depressi, ansiosi, fanno uso di sostanze psicoattive e soffrono di problemi alimentari.

Classificazione

Secondo il DSM-5 (APA 2013), probabilmente il sistema nosografico relativo ai disturbi psichici più usato al mondo, i disturbi di personalità possono essere classificati in base alle condotte di comportamento e suddivisi in tre gruppi o insiemi chiamati ‘clusters’:

Cluster A dei disturbi di personalità relativo a condotte di comportamento bizzarre o eccentriche:

  • Disturbo Paranoide di Personalità
  • Disturbo Schizoide di Personalità
  • Disturbo Schizotipico di Personalità

Cluster B dei disturbi di personalità relativo a condotte di comportamento drammatiche, emotive o disregolate:

  • Disturbo Borderline di Personalità
  • Disturbo Narcisistico di Personalità
  • Disturbo Istrionico di Personalità
  • Disturbo Antisociale di Personalità

Cluster C dei disturbi di personalità relativo a condotte di comportamento ansioso o inibito:

  • Disturbo Evitante di Personalità
  • Disturbo Dipendente di Personalità
  • Disturbo Ossessivo-compulsivo di Personalità

Terapia

La cura dei disturbi della personalità è complessa, richiede molto tempo e i risultati difficili da ottenere. Chi è affetto da questi disturbi raramente li riconosce e di conseguenza non cerca aiuto o lo rifiuta quando eventualmente proposto in questo senso. Risultati efficaci possono essere ottenuti dall’utilizzo della psicoterapia cognitiva comportamentale, abbinata a terapia farmacologica sintomatica. In particolare possono essere impiegati i farmaci inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) per controllare la depressione, i farmaci anticonvulsivanti per combattere gli attacchi di rabbia, i neurolettici specifici contro la schizofrenia (risperidone).

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. Si fa presente che la visita medica specialistica rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli presenti sul sito vanno presi come meri suggerimenti di comportamento. L’Autore e Consulcesi SA non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute.

 

Comitato Scientifico