Please, activate Javascript to see this website correctly
MyDott

Caricamento ...

info / Disturbo post traumatico da stress

Disturbo post traumatico da stress

Definizione

Il disturbo post traumatico da stress - DPTS (Post Traumatic Stress Disorder, PTSD) è definito come una condizione di stress acuta che si manifesta in seguito all’esposizione a un evento traumatico. Fa parte dei disturbi d’ansia e le stime indicano che una persona su tre che ha vissuto un forte trauma o un disastro sviluppa lo stress post traumatico.

Sintomi

Le reazioni comuni di stress dopo un disastro includono effetti che toccano la sfera emotiva, cognitiva, fisica e interpersonale.

Effetti emotivi:

  • Shock
  • Rabbia
  • Disperazione
  • Intorpidimento emotivo
  • Terrore
  • Colpa
  • Dolore o tristezza
  • Irritabilità
  • Impotenza
  • Perdita di piacere derivato da attività regolari
  • Dissociazione


Effetti cognitivi:

  • Capacità decisionale compromessa
  • Compromissione della memoria
  • Concentrazione compromessa
  • Incredulità
  • Confusione
  • Diminuzione dell’autostima
  • Distorsione
  • Diminuzione dell’autoefficacia
  • Senso di colpa
  • Pensieri e ricordi intrusivi
  • Preoccupazione

Effetti fisici:

  • Fatica
  • Insonnia
  • Disturbi del sonno
  • Ipervigilanza
  • Somatizzazione
  • Compromissione risposta immunitaria
  • Mal di testa
  • Problemi gastrointestinali
  • Diminuzione dell'appetito
  • Diminuzione della libido
  • Sensazione di paura

Effetti interpersonali:

  • Alienazione
  • Ritiro sociale
  • Aumento del conflitto nelle relazioni
  • Insufficienza professionale
  • Insufficienza scolastica

Cause

Il disturbo post traumatico da stress è più frequente nelle persone che hanno subito maltrattamenti, vissuto eventi catastrofici come disastri naturali, guerre o attacchi terroristici. Sono particolarmente a rischio di sviluppare il disturbo post traumatico da stress anche le persone che per impiego svolgono lavori a contatto con il pericolo (forze armate, vigili del fuoco, etc).

Diagnosi

Si parla di disturbo post traumatico da stress quando il paziente presenta i sintomi caratteristici elencati sopra per un periodo di oltre un mese dall’evento che li ha causati.

Trattamento

Un primo colloquio con un professionista (psicologo, psichiatra) è importante per valutare la situazione ed evitare che la situazione acuta possa sfociare in cronicità. È molto importante consentire l'accesso a un supporto sociale, fisico ed emotivo. Le persone che soffrono di disturbo post traumatico da stress, infatti, potrebbero essere più inclini a riprendersi se si sentono sicure, connesse, calme e ottimiste. Una buona ripresa nel tempo è legata alla capacità del sopravvissuto di ripristinare i propri bisogni di base, trovare modi per tornare alla normalità e ottenere supporto quando ne ha bisogno. Il medico che prende in cura il paziente potrebbe voler adottare un atteggiamento di attesa, per vedere se i sintomi regrediscono nell’arco di qualche mese, oppure proporre un percorso di psicoanalisi (terapia cognitivo-comportamentale) con o senza supporto farmacologico. La maggior parte delle persone guarisce completamente da reazioni moderate di stress entro 6-16 mesi.

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. Si fa presente che la visita medica specialistica rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli presenti sul sito vanno presi come meri suggerimenti di comportamento. L’Autore e Consulcesi SA non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute.

 

Comitato Scientifico