Please, activate Javascript to see this website correctly
MyDott

Caricamento ...

info / Ecografia

Ecografia

Descrizione

L’ecografia è una tecnica diagnostica per immagini, impiegata in medicina, che si basa sugli ultrasuoni, cioè onde sonore ad alta frequenza. Il macchinario con il quale viene eseguita un’ecografia si chiama ecografo. L’ecografista è invece colui che usa l’ecografo. In genere si tratta di un medico specializzato in radiologia che ha conseguito, con specifica formazione, un particolare approfondimento in questa disciplina, molto diffusa. Gli ultrasuoni colpiscono gli organi e le strutture del corpo umano i quali oppongono una resistenza al loro passaggio definita impedenza acustica. Ogni tessuto umano presenta un’impedenza diversa nei confronti degli ultrasuoni e quindi li riflette anche in modo differente. Gli ultrasuoni sono prodotti da una sonda, parte costitutiva dell’ecografo, che contiene cristalli (ad esempio quarzo) che hanno la proprietà di generare ultrasuoni quando attraversati da corrente elettrica alternata. Gli ultrasuoni colpiscono i tessuti umani e vengono riflessi. La sonda è in grado di captarli e convertirli in segnali elettrici. Questi segnali vengono successivamente elaborati da un processore che produce alla fine un’immagine visibile su un monitor e interptretabile dall’ecografista.
Gli ultrasuoni non producono effetti dannosi sui tessuti umani e quindi l’esame ecografico può essere eseguito anche con una certa frequenza. L’ecografia è una metodica non cruenta e può essere effettuata con o senza mezzo di contrasto.

Indicazioni

I progressi tecnologici fatti in campo ecografico consentono attualmente un impiego molto diffuso in campo diagnostico. Numerosissimi sono gli organi e i tessuti studiati e valutati con questa procedura. Tra questi troviamo:

  • fegato e cistifellea
  • reni e surreni
  • milza
  • tiroide
  • pancreas
  • vescica urinaria
  • mammella
  • strutture dell’apparato muscolo-scheletrico (muscoli, legamenti, cartilagini)
  • cuore e sistema vascolare
  • apparato genitale femminile e maschile


L’ecografia viene impiegata sistematicamente in gravidanza per la valutazione dello sviluppo del prodotto del concepimento. In casi specifici, l’esame ecografico può essere svolto introducendo la sonda in strutture cave per ottenere migliori risultati: ecografia transesofagea, transrettale, transvaginale.

Preparazione

Gli esami ecografici possibili sono numerosi e di conseguenza la preparazione del paziente, quando necessaria, varia a seconda dell’organo da esaminare.
A titolo di esempio, in caso di ecografia dell’apparato urinario, è necessario normalmente bere fino a un litro d’acqua prima dell’accertamento. In questo modo l’ecografista potrà apprezzare meglio le strutture sotto indagine.
Procedura
Di norma l’ecografista scopre il distretto corporeo da esaminare e applica un gel conduttivo sulla pelle sovrastante la zona di indagine. In seguito procede a far scorrere la sonda ecografica ricorrendo a pressioni sulla cute quando necessario. In questo modo ottiene delle immagini su un monitor che può descrivere al paziente. Terminato l’esame, l’ecografista procede alla valutazione e alla diagnosi che riporta in un referto. Il paziente può riprendere da subito le sue normali attività.

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. Si fa presente che la visita medica specialistica rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli presenti sul sito vanno presi come meri suggerimenti di comportamento. L’Autore e Consulcesi SA non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute.

 

Comitato Scientifico