Please, activate Javascript to see this website correctly
MyDott

Caricamento ...

info / Insonnia

Insonnia

Descrizione e definizione

L’insonnia è un disturbo costituito dalla mancanza cronica di sonno. Consiste, in pratica, nell’impossibilità o nella difficoltà di dormire e/o in una eccessiva brevità della durata del sonno.
L’insonnia viene definita primaria quando si manifesta in maniera saltuaria ed episodica in seguito ad avvenimenti sgraditi della vita quotidiana.
L’insonnia può essere però secondaria quando è l’espressione sintomatica di numerose condizioni patologiche, tra le quali:

  • insufficienza renale cronica; 
  • emicrania; 
  • iper e ipotiroidismo;
  • abuso cronico di farmaci e alcool;
  • psicosi, demenze, schizofrenia; 
  • cardiopatie;
  • ulcera duodenale; 
  • sindrome del tunnel carpale;
  • morbo di Parkinson, encefaliti;
  • Corea di Huntington;

L’insonnia può essere totale quando sussiste l’impossibilità di dormire. Si tratta di un evento raro e di breve durata. L’insonnia totale può costituire una reazione nei confronti di eventi drammatici oppure essere secondaria a malattie cerebrali.

L’insonnia cosiddetta parziale rappresenta invece la quasi totalità dei casi. Può essere:

  • iniziale, quando si ha difficoltà di addormentamento di durata variabile da 30 minuti a diverse ore;
  • centrale, quando sono presenti numerosi risvegli notturni, di durata variabile, che alterano la qualità del sonno e che, a lungo andare, peggiorano anche le attività diurne
  • terminale, quando l’addormentamento è normale ma si verifica un risveglio mattutino troppo anticipato

L’insonnia colpisce con maggiore frequenza le donne, soprattutto dopo i 45 anni di età. Si tratta di un disturbo che, se protratto nel tempo, può seriamente compromettere la qualità di vita di una persona. Senza sonno diminuiscono infatti le capacità operative durante il giorno, con conseguente rischio di perdere l’attività lavorativa e/o di incorrere in incidenti. I soggetti cronicamente insonni presentano anche un rischio accresciuto di ammalarsi di diverse patologie, anche gravi.

Terapia

Le insonnie secondarie a determinate malattie traggono giovamento dalla cura specifica della patologia di base. Nei casi di insonnia primaria può essere utile seguire alcune regole di comportamento, tra le quali evitare cene pesanti, non andare a dormire troppo presto dopo un pasto e coricarsi possibilmente sempre alla stessa ora.

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. Si fa presente che la visita medica specialistica rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli presenti sul sito vanno presi come meri suggerimenti di comportamento. L’Autore e Consulcesi SA non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute.

 

Comitato Scientifico