Please, activate Javascript to see this website correctly
MyDott

Caricamento ...

info / Mammografia

Mammografia

Descrizione e ruolo

La mammografia è una tecnica diagnostica radiologica che consente la diagnosi delle malattie che colpiscono la mammella umana. La mammografia riveste un ruolo particolare nella diagnosi precoce dei tumori maligni della mammella, soprattutto nelle donne. Non si tratta di un accertamento invasivo nè cruento. Viene prescritta ed eseguita da un ginecologo, ossia da un medico specialista in ginecologia. Si tratta di un’indagine radiologica che prevede quindi la somministrazione di radiazioni ionizzanti, ma in dosi ridotte.
La mammografia riveste un valore particolare come esame di screening per la diagnosi precoce del cancro del seno, malattia grave e diffusa nella popolazione femminile e molto più rara in quella maschile.
Il tumore maligno della mammella costituisce infatti la forma di cancro di più frequente riscontro nella donna. I progressi registrati con la diagnosi precoce della malattia ottenuta grazie allo screening mammografico, il progresso e i risultati ottenuti in ambito chirurgico e farmacologico, le maggiori conoscenze scientifiche acquisite specificatamente, hanno nettamente migliorato la prognosi della malattia.

Programma di screening

L’utilizzo della mammografia come mezzo diagnostico ideale per lo screening dei tumori maligni della mammella non è in discussione.
Più dibattuto e controverso è il tema che riguarda chi, quando e con quale frequenza debba sottoporsi allo screening mammografico con prospettive vantaggiose di guarigione o di remissione di lunga durata in caso di malattia.
Secondo le indicazioni del Ministero della Salute, la mammografia a scopo di screening dovrebbe essere fatta ogni due anni e riguardare le donne tra i 40 e i 59 anni di vita. In effetti il cancro della mammella si manifesta con la massima frequenza proprio in questa fascia di età. Lo screening mammografico eseguito con le modalità raccomandate dal Ministero della Salute può consentire la guarigione dal tumore nel 40% dei casi. Si sta ancora discutendo sull’opportunità di estendere lo screening mammografico ad altre fasce di età, ossia prima dei 40 anni e dopo i 60, non tutti gli esperti sono infatti convinti degli eventuali vantaggi di una tale strategia diagnostica.

Indicazioni

La mammografia, al di fuori del programma di screening, dovrebbe essere effettuata:

  • come mammografia di base prima dei 40 anni di età
  • quando esistano dolori persistenti alla mammella
  • quando siano apprezzabili, per esempio con l’autopalpazione, noduli mammari sospetti

Preparazione

Per eseguire una mammografia non è richiesta una preparazione specifica alla paziente. L’esame mammografico non può essere eseguito durante la gravidanza, soprattutto nei primi tre mesi di gestazione.

Procedure

L’esame mammografico viene eseguito di norma in due proiezioni standard e la diagnosi viene posta da due radiologi separatamente in caso di screening per il tumore della mammella. Durante l’accertamento è necessario comprimere e mantenere compressa la mammella. Questa necessaria manovra tecnica, eseguibile anche manualmente, può riuscire dolorosa. Lo strumento radiologico con il quale viene eseguita la mammografia si chiama mammografo.

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. Si fa presente che la visita medica specialistica rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli presenti sul sito vanno presi come meri suggerimenti di comportamento. L’Autore e Consulcesi SA non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute.

 

Comitato Scientifico