Please, activate Javascript to see this website correctly
MyDott

Caricamento ...

info / Peeling

Peeling

Descrizione e definizione

il peeling chimico è un metodo di trattamento della cute con finalità estetiche. Il termine peeling deriva dal verbo inglese ‘to peel’ che significa sbucciare.
I prodotti chimici usati nella tecnica del peeling chimico, in effetti, agiscono come esfolianti rimuovendo gli strati della pelle a partire da quelli superficiali. L’esfoliazione consente la rimozione di discromie cutanee, cicatrici da acne e provvede alla rimozione delle cellule epidermiche morte. Il risultato finale è la rimozione delle imperfezioni cutanee e un aspetto ringiovanito della pelle.
Viso, collo e parte superiore del torace sono le sedi più frequentemente trattate con il peeling chimico. Le donne vi ricorrono in genere per ottenere un ringiovanimento della pelle del viso quando non sono contente del loro aspetto.
Il peeling chimico differisce da un’altra tecnica esfoliante, lo scrub, per il fatto che esercita la sua azione utilizzando prodotti chimici e non lo sfregamento meccanico sulla pelle.

Prodotti di comune impiego

Le sostanze maggiormente impiegate per il peeling sono gli acidi cosiddetti esfolianti. Tra quelli maggiormente impiegati vi sono gli acidi estratti dalla frutta, l’acido glicolico, l’acido salicilico e l’acido tricloroacetico.
Quanto maggiore è la concentrazione dell’acido impiegato nel trattamento tanto più profonda sarà l’azione esfoliativa esercitata sulla pelle, maggiore sarà il numero di strati cutanei asportati e più importante l’effetto finale ottenuto.
I prodotti contenenti acidi esfolianti in concentrazione superiore al 30% possono essere adoperati solo da un medico. I centri estetici sono invece autorizzati all’utilizzo di prodotti nei quali la concentrazione dell’acido sia sotto il 30%.

Classificazione

A seconda della potenza dell’agente chimico utilizzato si possono classificare tre tipi di peeling:

  • superficiale o molto superficiale: indicato per attenuare le discromie cutanee lievi e dare un aspetto più fresco alla pelle. Si usano acidi deboli come quelli della frutta;
  • medio: indicato per attenuare rughe superficiali, macchie senili e rendere liscia la pelle. L’acido glicolico trova applicazione in questo tipo di trattamento;
  • profondo: si può utilizzare l’acido tricloroacetico, interessa strati cutanei più profondi e serve per rimuovere cicatrici piccole e superficiali, rughe profonde, macchie senili.

Procedure

Il peeling può essere eseguito anche a casa, esistono lozioni specifiche o altri prodotti analoghi, oltre che in un centro estetico oppure presso un medico dermatologo esperto in questo settore specifico.
Ovviamente i peeling fatti a casa o da un’estetista sono superficiali, svolti con sostanze ad azione delicata sulla cute e hanno un effetto di ringiovanimento cutaneo meno importante.
Per peeling con risultati estetici migliori è invece necessario ricorrere a un dermatologo.
Il peeling non è particolarmente doloroso, ma può causare bruciore, irritazione e arrossamento cutaneo.
Il peeling è controindicato in caso di:

  • infiammazioni cutanee (dermatiti)
  • infezioni (Herpes)
  • ferite e lesioni della pelle (ustioni)
  • psoriasi e altre malattie cutanee
  • gravidanza in corso

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. Si fa presente che la visita medica specialistica rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli presenti sul sito vanno presi come meri suggerimenti di comportamento. L’Autore e Consulcesi SA non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute.

 

Comitato Scientifico