Please, activate Javascript to see this website correctly
MyDott

Caricamento ...

info / Risonanza magnetica

Risonanza magnetica

Descrizione

La risonanza magnetica (RM) è una metodica di diagnostica per immagini utilizzata in medicina. La risonanza magnetica utilizza le proprietà fisiche di un campo magnetico e non impiega quindi radiazioni ionizzanti come altre tecniche di indagine diagnostica (tomografia assiale, radiografie con tecnica standard). Per l’esecuzione di questo tipo di accertamento, il paziente viene “immerso” in un potente campo magnetico la cui forza è superiore di diverse migliaia di volte rispetto al campo magnetico terrestre. Sottoposti all’azione del campo magnetico, gli atomi che costituiscono il corpo umano acquistano energia e si orientano nella direzione del campo magnetico stesso. Cessata l’azione del magnete, gli atomi cedono l’energia accumulata e ritornano nella situazione iniziale antecedente l’esame emettendo un segnale. Esso viene captato, elaborato e trasformato in immagine. Per ottenere risultati più accurati degli organi e dei tessuti, la risonanza può essere eseguita con l’ausilio di un mezzo di contrasto (chelati di gadolinio) iniettato per via endovenosa. Il medico radiologo, medico specialista competente in materia, procede successivamente alla valutazione delle immagini ottenute e formula la diagnosi che viene riportata nello specifico referto.

Indicazioni

La risonanza magnetica è una tecnica diagnostica molto utilizzata per l’esame di numerosi organi e apparati. In particolare una risonanza può essere eseguita per valutare:

  • le articolazioni, i muscoli, le ossa
  • i visceri addominali
  • gli organi toracici
  • i vasi sanguigni
  • il sistema nervoso centrale


In quest’ultimo caso la risonanza viene impiegata in particolare per la diagnosi di neoplasie cerebrali, accidenti vascolari, malattie degenerative e infezioni.
I chelati di gadolinio, impiegati come mezzo di contrasto per l’esecuzione della risonanza magnetica, presentano scarsissima tossicità e bassa incidenza di effetti collaterali. Sono pertanto meglio tollerati rispetto ai mezzi di contrasto iodati utilizzati, per esempio, per eseguire una tomografia assiale computerizzata (TAC).

Preparazione e precauzioni

Prima di sottoporsi a una risonanza magnetica è necessario che vengano osservate alcune precauzioni in presenza di:

  • pacemaker cardiaco
  • defibrillatore
  • neurostimolatori
  • tatuaggi e piercing
  • esiti di pregressi interventi chirurgici di cataratta
  • oggetti metallici all’interno del corpo (protesi ortopediche, clip vascolari, schegge)
  • stato di gravidanza
  • allergia nota nei confronti del gadolinio (mezzo di contrasto)
  • insufficienza renale

Queste sono situazioni che devono essere discusse con il medico curante e che possono costituire controindicazione assoluta o relativa all’esecuzione dell’indagine diagnostica.

Procedura

L’esame può durare 30-60 minuti a seconda delle esigenze diagnostiche. Il paziente veste solo la biancheria intima, se sprovvista di parti metalliche, e deve rimuovere tutti gli oggetti in metallo eventualmente indossati (ad esempio anelli, bracciali, orologi). Durante l’esame deve muoversi il minimo possibile e dovrà trattenere il respiro per un certo numero di volte su richiesta del personale tecnico. Terminato l’accertamento, il paziente può riprendere subito le sue normali attività.

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. Si fa presente che la visita medica specialistica rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli presenti sul sito vanno presi come meri suggerimenti di comportamento. L’Autore e Consulcesi SA non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute.

 

Comitato Scientifico