Please, activate Javascript to see this website correctly
MyDott

Caricamento ...

info / Training autogeno

Training autogeno

Descrizione e definizione

Il training autogeno è un metodo per rilassarsi concepito agli inizi del ‘900, sviluppato nel corso del secolo scorso e utilizzato anche al giorno d’oggi.
Il fine ultimo di questa tecnica è quello di rendere il paziente indipendente e autonomo dal terapista, per quanto possibile, nell’esercitare azioni attive per il raggiungimento di un buon livello di rilassamento.
Il training autogeno consiste nell’apprendimento e nell’applicazione di particolari esercizi mentali di concentrazione in grado di modificare in misura minore o maggiore alcune funzioni fisiche. Questi cambiamenti, a loro volta, sono in grado di modificare la sfera psichica perché l’essere umano è fatto di mente e corpo tra loro collegati.
Gli esercizi previsti dal training autogeno, in pratica, modificano e migliorano in modo opportuno mediante la concentrazione mentale i comportamenti fisici negativi derivanti dallo stress.

Tecnica

Il training autogeno si basa sostanzialmente sull’allenamento. Gli esercizi di base sono sei, secondo Johannes H.Schultz, psichiatra tedesco e inventore del training autogeno. Sono progressivi e concatenati tra di loro. Sono basati sulla ripetizione a livello mentale di frasi standard e prestabilite orientate al rilassamento di varie parti e/o apparati del corpo umano. Si comincia con il rilassamento muscolare, obiettivo del primo esercizio. L’elenco completo è il seguente:

  • rilassamento muscolare; Si comincia concentrandosi e ripetendo mentalmente la frase ‘il mio braccio destro è pesante” per poi allargare l’area di concentrazione ad entrambi gli arti superiori: “le mie braccia sono pesanti” e così via fino a comprendere la muscolatura di tutto il corpo.
  • rilassamento dell’apparato vascolare tramite il calore; la frase da ripetere è: “il mio braccio destro è caldo” proseguendo poi come nel primo esercizio;
  • rilassamento del cuore; la concentrazione si focalizza sul ritmo cardiaco e la frase da ripetere è “il mio cuore batte calmo e tranquillo”:
  • rilassamento dell’apparato della respirazione; in questo caso la concentrazione si fissa sulla frequenza e sul ritmo respiratorio; la formula usata è: “il mio respiro è calmo e regolare”.
  • rilassamento della regione addominale; la concentrazione è sul calore, la frase da ripetere è: “il mio plesso solare è piacevolmente caldo”
  • rilassamento della regione frontale; in questo caso la concentrazione si focalizza sul freddo; la formula impiegata è: “la mia fronte è piacevolmente fresca”

Gli esercizi dovrebbero essere eseguiti in ambienti tranquilli, con poco rumore e senza forte illuminazione. Bisogna assumere una posizione comoda e indossare abiti adatti.

Controindicazioni

Viene sconsigliato o controindicato l’impiego del training autogeno in soggetti cardiopatici, psicotici e nei bambini di età inferiore ai 5 anni.

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. Si fa presente che la visita medica specialistica rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli presenti sul sito vanno presi come meri suggerimenti di comportamento. L’Autore e Consulcesi SA non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute.

 

Comitato Scientifico