Please, activate Javascript to see this website correctly
MyDott

Caricamento ...

info / Visita andrologica

Visita andrologica

Quando si parla di andrologia ci si riferisce a una branca sotto-specialistica della medicina interna (urologia). Il medico di riferimento è l’andrologo e i suoi compiti spaziano dalla diagnosi e cura delle patologie a carico dell’apparato urinario di uomini e donne, alle condizioni che invece riguardano gli organi riproduttivi in particolare dell’uomo. In questo senso l’andrologo spesso è presente nei centri che si occupano di riproduzione umana e fecondazione medicalmente assistita.

Preparazione

La visita andrologica di per sé non ha bisogno di particolari preparazioni da parte del paziente e non ha controindicazioni. È indolore.

Procedura

In genere la visita andrologica determina un certo grado di disagio emotivo legato alla zona anatomica da indagare, particolarmente intima e delicata. Un tempo con la visita di leva tutti i ragazzi accedevano a un controllo andrologico, ma ora in molti casi l’uomo si riferisce al medico solo nel caso di disturbi conclamati. L’andrologo ha le competenze necessarie per poter affrontare con efficacia la situazione e mettere il paziente a proprio agio. Dopo aver raccolto l’anamnesi, soprattutto in riferimento ai disturbi lamentati dal paziente, al suo stile di vita, alle sue abitudini e a eventuali malattie concomitanti, lo specialista andrologo procede all’esame obiettivo dopo aver chiesto al paziente se e quali farmaci eventualmente stia assumendo. Il medico procede a un’attenta ispezione e valutazione del pene e dei testicoli, esaminati attraverso il sacco scrotale, aiutandosi con la palpazione ed eventualmente con la tecnica detta transilluminazione. Questo esame semplice viene eseguito dall’andrologo con l’ausilio di una fonte luminosa posizionata dietro lo scroto che gli consente di verificare o escludere la presenza di raccolte liquide all’interno della sacca scrotale (idrocele). Per quanto riguarda gli uomini sopra i 50 anni di età, anche se non presentano sintomi, è opportuno eseguire una valutazione della prostata mediante ispezione rettale. L’andrologo può anche disporre, d’intesa con il paziente, l’effettuazione di analisi strumentali e di laboratorio per approfondimenti diagnostici.

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. Si fa presente che la visita medica specialistica rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli presenti sul sito vanno presi come meri suggerimenti di comportamento. L’Autore e Consulcesi SA non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute.

 

Comitato Scientifico