Please, activate Javascript to see this website correctly
MyDott

Caricamento ...

info / Visita ginecologica

Visita ginecologica

Indicazioni

Le indicazioni per una visita ginecologica sono generalmente le seguenti:

  • controllo generale periodico (in assenza di sintomi e/o di segni clinici)
  • conferma o esclusione di un sospetto di malattia (in presenza di sintomi e/o di segni clinici)
  • conferma o esclusione di uno stato di gravidanza
  • controllo dell’evoluzione della gravidanza
  • terapia di patologie già accertate
  • esecuzione di test diagnostici
  • contraccezione ‘del giorno dopo’

Preparazione

Bisogna ricorrere al ginecologo se compaiono sintomi come dolori, bruciori o intensi pruriti alle parte intime e/o al basso addome, in caso di perdite vaginali anomale (sangue o altro) oppure ancora nei casi di irregolarità del ciclo.
È opportuno evitare una visita ginecologica durante le mestruazioni.
In genere non è necessaria una preparazione specifica per una visita ginecologica. Tuttavia, salvo diverse indicazioni da parte del ginecologo, sarebbe meglio che vescica e retto fossero vuoti. La prima visita ginecologica della vita, evento spesso delicato per una donna, può essere eseguita dopo la pubertà anche prima dell’inizio dell’attività sessuale. In ogni caso è opportuna poco dopo aver avuto i primi rapporti sessuali.

Procedura

La visita ginecologica si svolge normalmente attraverso le seguenti fasi:

  • Colloquio con il ginecologo che comprende la raccolta dell’anamnesi della donna
  • ispezione ed esame manuale dei genitali esterni
  • introduzione dello speculum per l’esame delle strutture genitali interne
  • esplorazione vaginale
  • palpazione dell’addome e delle mammelle

A volte è anche necessaria l’esplorazione rettale. Durante la visita il ginecologo può procedere anche all’esecuzione di accertamenti diagnostici quali un’ecografia pelvica o un pap test oppure un test di gravidanza. Alla fine della visita, il ginecologo riferisce i risultati alla paziente e, se necessario, pianifica le eventuali strategie future di diagnosi e di terapia.

Medico di riferimento

Il medico di riferimento durante la visita ginecologica è il ginecologo che segue la donna dal menarca (prima mestruazione) fino alla menopausa. Si diventa specialisti in questo ambito dopo aver conseguito il diploma in Medicina e Chirurgia (6 anni) e la laurea specialistica in Ginecologia che dura cinque anni.

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. Si fa presente che la visita medica specialistica rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli presenti sul sito vanno presi come meri suggerimenti di comportamento. L’Autore e Consulcesi SA non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute.

 

Comitato Scientifico